Giornale di Brescia e la nuova offerta digitale

27 aprile 1945 – 27 aprile 2015.

A 70 anni esatti dalla data della prima pubblicazione, il Giornale di Brescia ha posato un’altra pietra miliare nella sua storia: il lancio di una nuova versione cartacea e digitale, completamente rinnovata non solo nell’identity visiva ma anche e soprattutto nelle modalità di produzione, organizzazione e diffusione dei contenuti editoriali. Un cambio di passo evidente, che abbraccia in pieno l’evoluzione strutturale del settore e punta senza indecisioni sulle opportunità offerte dal digitale.

Lunedì sera, poche ore dopo il lancio, è stato il momento per raccontare e festeggiare questo risultato. La serata, tenuta nella splendida cornice del Teatro Grande di Brescia, ha infatti proposto agli intervenuti tutte le novità correlate al nuovo approccio, ora più che mai centrato sul comprendere le esperienze di fruizione da parte dei lettori per poi rispondere con contenuti specifici e di valore.

Ieri-oggi-la-prima-pagina-del-GdB-del-27-aprile-1945-e-la-rinnovata-edizione-online

In questo percorso verso il cambiamento, Sketchin ha giocato un ruolo centrale fin dall’inizio, ponendosi come partner strategico di GdB in tutte le fasi di ricerca, strategia, progettazione e realizzazione del nuovo ecosistema. Il progetto, durato circa 4 mesi, ci ha consentito di coinvolgere attivamente tutti gli stakeholder (giornalisti, manager, azionisti, concessionarie di pubblicità, lettori) e di applicare in maniera efficace il nostro metodo EVO.

Attraverso una prima fase di assestment e con la messa a punto di alcuni workshop dedicati, abbiamo definito esigenze, obiettivi e priorità di progetto. Poi ci siamo concentrati sull’identificazione dei bisogni e delle aspettative da parte dei lettori, attraverso survey quantitativi, attività field e interviste controllate. Da qui, sono emersi gli insight che ci hanno poi guidato nella definizione – sempre attraverso workshop e attività di envisioning – dei driver strategici più rilevanti:

  1. Enfatizzare una fruizione mobile first e cross-device
  2. Categorizzare i contenuti del giornale secondo un principio di “territorialità”
  3. Semplificare la fruizione e snellire il processo di lettura
  4. Introdurre elementi di rich-storytelling

visual.gdb.editorialebresciana.mockup.macbook.003

Infine, la fase di design vero e proprio che ci ha permesso di applicare concretamente la nuova visual&content strategy, anche sfruttando delle soluzioni peculiari di interaction design. Il tutto senza dimenticare – ma anzi valorizzandoli – i KPI richiesti dal management di Giornale di Brescia: diminuire il tasso di abbandono, incrementare page view, tempo di lettura e impression.

Se siete curiosi di saperne di più, a breve produrremmo un case study con tutti gli approfondimenti e i dettagli del progetto. Quindi… stay tuned!

Submit a comment